stampa aggiungi ai preferiti invia/condividi feed rss

Ecco i migliori Irccs d’Italia, l’eccellenza non premia

Ecco i migliori Irccs d’Italia, l’eccellenza non premia
20/01/2012

Il ministero della Salute ha stilato una classifica degli Irccs, gli Istituti di ricerca e cura a carattere scientifico. La comparazione tra i 43 istituti italiani si è basata, tra l'altro, su impact factor e sul numero di pubblicazioni. Le strutture con più impact factor, in proporzione, incassano meno degli altri; spesso i finanziamenti pubblici arrivano a pioggia anche su realtà e strutture che non portano innovazione. Dall'indagine del ministero la ripartizione dei fondi, che è stata di oltre 158 milioni di euro, non risulta basata sulla performance scientifica, a danno quindi dei centri eccellenti che non vengono premiati per i loro sforzi produttivi.

L'impatto della produzione del San Raffaele di Milano, il primo in Italia per performance scientifica, con punteggio di 3.917, vale come quello di tutti e nove gli Istituti del Sud. Fanalino di coda della classifica ministeriale è il Crob di Rionero di Vulture, provincia di Potenza, che totalizza 145 punti per un totale di 34 pubblicazioni annue. A Bari, il De Bellis, specializzato in gastroenterologia, e l'Oncologico racimolano rispettivamente 165 e 192 punti di impact factor (con 47 e 50 pubblicazioni ciascuno), l'ospedale Maggiore di Milano e il San Matteo di Pavia, rispettivamente con 859 e 513 pubblicazioni, raggiungono 2.968 punti e 1.820. Per arrivare a questi numeri contano ovviamente i ricercatori impegnati, sono appena 46 al Neurolesi di Messina, contro gli 838 del Maggiore di Milano, e conta molto anche il numero di trial messi in piedi e il numero di pazienti impegnati. Facendo comunque le debite proporzioni, il Sud rimane indietro rispetto al nord.

Molti degli Irccs più produttivi incassano in proporzione meno degli altri. Addirittura l'Irccs Humanitas di Milano, con 1.231 punti di impact factor per 255 pubblicazioni, nella top ten degli Irccs più produttivi, è il fanalino di coda con 1.677 euro finanziati per ogni punto di impact factor conquistato, contro una media di 4.633 euro finanziati agli altri Irccs. Idem per l'ospedale Maggiore di Milano, al secondo posto per impatto scientifico tra tutti gli Istituti e tra gli ultimi per finanziamento, con 2.915 euro per ogni punto di impact factor. Il numero uno, il San Raffaele di Milano, incassa 4.449 euro per ogni punto, meno della media italiana